[ x ]

Per offrirti un'esperienza di navigazione sempre migliore questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di più, o se vuoi modificare il tuo consenso clicca qui.
Chiudendo questo banner e/o proseguendo la navigazione presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Report an issue or send feedback

To: info@gaiaonline.info






BLOG GaiaNetwork
  • Italiano English
  • Page is loading...

    Info e Regole


    GAIA NETWORK è un nuovo sistema distributivo nel settore dell’arredo in edilizia di alta gamma. Usa il metodo del network ed il blog diventa un luogo importante dove i vari componenti, produttori e clienti, commerciale e tecnici, possono confrontarsi e dialogare fra loro.

    Si richiede solo la e.mail per poter aggiornare i partecipanti sui nuovi interventi. In qualità di gestore del blog mi impegno a non utilizzarle in nessun altro modo.

    Allo stesso modo chiedo  ai partecipanti di condividere poche e semplici regole:
    -non esprimere in modo offensivo opinioni su, religione, razza, sesso. E’ ammessa la politica in quanto parte determinante del fattore economico del settore.
    -non utilizzare il blog per comunicazioni pubblicitarie o fare pubblicità. Per comunicare un prodotto , un servizio o una prestazione tecnica /professionale usare il sistema della “VOCE  DI  CAPITOLATO”.
    -ogni articolo deve essere firmato e l’estensore si assume la responsabilità di quanto dichiarato.

    Come vedete sono poche e semplici regole di normale educazione . In qualità di gestore del blog farò in modo che vengano rispettate.

    Buona lettura e confronto.


    Pier Giorgio Gaiardoni

    Info e Regole
    Traduci Articolo:
    Pubblica un tuo articolo
    IL RINFRESCAMENTO PASSIVO NATURALE

    Voglia di

    47

    raccontare

    SISTEMI DI RINFRESCAMENTO NATURALE

     

    L’importanza dei sistemi di raffrescamento passivo è dovuta alla rapida crescita del fabbisogno di raffreddamento degli edifici e dalle problematiche ambientali, economiche, di salute legate agli elevati consumi elettrici ad esse connesse.

    Le strategie che consentono di controllare il surriscaldamento degli edifici si possono sintetizzare in: - proteggere l’edificio dall’irraggiamento solare; - controllare l’inerzia termica dei componenti dell’involucro, questa assume un ruolo regolatore attenuando e ritardando le variazioni della temperatura esterna, diminuendo la temperatura media radiante e fornendo migliori condizioni di comfort; - adottare sistemi naturali di raffreddamento per la ventilazione.

    La ventilazione naturale agisce sul benessere influenzando il bilancio termico dell’edificio e consentendo di incrementare gli scambi convettivi tra uomo ed ambiente. La ventilazione naturale dà luogo a raffreddamento tramite le correnti d’aria generate da fenomeni naturali come l’azione del vento e l’effetto camino. La ventilazione rappresenta un aspetto fondamentale nel progetto di un edificio. Mentre in passato la ventilazione veniva prevalentemente considerata in relazione al solo controllo della qualità dell’aria interna, recentemente si è manifestato un crescente interesse nell’uso della ventilazione quale strategia per garantire anche il comfort ambientale nel periodo estivo e nelle stagioni intermedie, limitando il ricorso ai sistemi di refrigerazione in un’ottica di risparmio energetico. L’incidenza della ventilazione (invernale ed estiva) sul fabbisogno energetico annuale di un edificio tende a divenire predominante, anche grazie all’adozione, in edifici di nuova costruzione, di livelli di isolamento termico dell’involucro più elevati, inoltre si osserva una costante crescita della domanda di climatizzazione estiva, sia negli edifici residenziali sia nel settore terziario; inoltre la produzione di energia frigorifera necessaria per la climatizzazione estiva si basa generalmente su macchine azionate elettricamente, per cui la climatizzazione estiva si traduce in un consumo di energia primaria particolarmente costosa.

    La ventilazione degli ambienti assolve pertanto due compiti: - garantire la qualità dell’aria degli ambienti indoor; - garantire il controllo del comfort riferito anche all’eventuale presenza di correnti d’aria; Mentre un impianto di climatizzazione di tipo meccanico, purché correttamente dimensionato e gestito, è in grado di garantire il controllo delle condizioni ambientali in qualunque condizione, nel caso dei sistemi di ventilazione naturale è necessario accettare delle fluttuazioni più ampie. Un ulteriore aspetto del problema è la necessità di un’integrazione spinta fra progetto del sistema di ventilazione e progetto architettonico, sia dal punto di vista della distribuzione e dimensionamento degli spazi interni, sia dal punto di vista del disegno degli elementi di involucro. Normalmente i sistemi di ventilazione vengono classificati in relazione ai sistemi con i quali sono controllati i flussi d’aria all’interno dell’edificio:

    VENTILAZIONE NATURALE In questo caso i gradienti di pressione necessari per realizzare l’immissione di aria fresca esterna e l’estrazione di aria interna viziata sono generati esclusivamente da azioni naturali, ovvero dall’effetto dinamico del vento e dai gradienti di densità dell’aria dovuti alle differenze di temperatura interno-esterno. La ventilazione naturale può essere realizzata attraverso l’apertura volontaria dei serramenti, oppure ancora può essere almeno parzialmente controllata tramite l’adozione di specifici sistemi per il raffrescamento passivo.

    VENTILAZIONE IBRIDA Accorgimenti quali l’introduzione nell’involucro esterno di bocchette di adduzione dell’aria e l’adozione di dispositivi di estrazione naturale (aeratori, camini, ecc.)

    VENTILAZIONE MECCANICA È la soluzione impiantistica che consente il movimento dell’aria all’interno dell’edificio attraverso ventilatori ed utilizza una parziale canalizzazione dei percorsi d’aria. In relazione alla funzione volta dall’impianto la ventilazione meccanica si classifica in:

    - ventilazione per estrazione in cui l’impianto di estrazione aspira l’aria dai locali da mantenere in depressione come i bagni e le cucine, e l’aria esterna, non trattata viene immessa direttamente in ambiente; - ventilazione per immissione in cui l’aria esterna trattata viene immessa all’interno degli ambienti da un ventilatore di mandata mentre l’esplulsione avviene per diffrenza di pressione; - ventilazione bilanciata in cui l’impianto garantisce sia l’immissione sia l’estrazione dell’aria non creando differenza di pressione tra interno ed esterno; - ventilazione ibrida, ovvero una soluzione intermedia tra la ventilazione naturale e quella assistita da un impianto meccanico; questo entra, infatti, in funzione soltanto quando le condizioni climatiche non sono idonee a garantire portate d’aria adeguate.

    Mentre i sistemi di ventilazione puramente meccanica presentano un limitato livello di interferenza con l’edificio, essendo in genere sufficiente garantire spazi tecnici adeguati per il passaggio delle condotte dell’aria e per l’installazione delle unità di trattamento, nel caso della ventilazione naturale e ibrida il progetto deve per definizione integrare l’aspetto architettonico e quello impiantistico: infatti, il movimento dell’aria avviene in larga misura attraverso parti dell’edificio o elementi architettonici specifici quali atrii, cavedi, camini, ecc. I principali sistemi di ventilazione naturale e di raffrescamento ventilativo sono:

    - ventilazione passante (orizzontale o verticale) - ventilazione a lato singolo (singola apertura o apertura multipla) - ventilazione combinata vento – effetto camino - ventilazione ibrida (immissione d’aria a vento ed estrazione assistita da ventilazione meccanica)

    Si definisce ventilazione passante orizzontale il flusso d’aria che attraversa uno o più locali, con immissione e uscita dell’aria da aperture collocate su pareti opposte o adiacenti (ma non complanari), collocate alla stessa altezza dal piano di pavimento (in caso di altezze differenti, si aggiunge al vento la componente effetto camino). La portata d’aria realizzabile con tale tecnica è proporzionale all’area netta di apertura, all’angolo di incidenza del vento sul piano dell’apertura e alla differenza di pressione tra le due aperture. Tale differenza è massima per aperture collocate, rispettivamente, quella d’ingresso dell’aria sul lato sovrappressione, e quella d’uscita, sul lato in depressione (generalmente, ciò accade quando le aperture sono collocate su pareti opposte), con angolo d’incidenza del vento compreso tra la perpendicolare e 30°.

    La ventilazione a lato singolo è, invece, il ricambio d’aria prodotto in un vano quando vi sono unicamente una o più aperture collocate sulla medesima parete esterna. Il tasso di flusso, in tal caso, è discontinuo e legato prevalentemente ad un effetto di pulsazione dell’aria, dipendente dalle variazioni di velocità e direzione che caratterizzano il vento negli intervalli brevi. La portata d’aria complessiva oraria è generalmente molto ridotta, soprattutto nel caso di una singola apertura. Se le aperture sono più d’una, la portata aumenta: per effetto camino, se esse sono collocate ad altezze diverse; per l’innesco di flusso da vento semi-passante, se le aperture sono collocate alla stessa altezza. In entrambe le configurazioni, l’efficacia della ventilazione dipende, altresì, dalla profondità del vano libero in rapporto all’altezza del vano stesso e dalla eventuale presenza di partizioni, che aumentano la resistenza al flusso, riducendo ulteriormente la portata d’aria.

    Ventilazione passante verticale Si intende per ventilazione passante verticale una tecnica di ventilazione passante, in cui l’immissione dell’aria avviene da un’apertura posta più in alto rispetto a quella di uscita. Generalmente, il sistema prevede un condotto verticale di immissione che collega l’apertura d’ingresso dell’aria al vano da ventilare.

    L’apertura d’ingresso – il malkaf dell’architettura tradizionale egiziana– deve essere rivolta sopravvento, in relazione ai venti dominanti. Tale sistema è particolarmente adatto in condizioni di vento prevalente relativamente costante, nel periodo caldo, nonché in situazioni di contesto urbano ad alta densità edificata, in cui risulta difficile utilizzare aperture ordinarie (finestre) collocate a livello del vano per l’immissione d’aria, soprattutto ai primi piani fuori terra. Tale sistema si può trasformare, in assenza di vento, in un sistema ad estrazione naturale per effetto camino, come avviene, di notte, nelle torri del vento iraniane.

    Sistema combinato vento-effetto camino Il sistema che, tipicamente, combina l’effetto del vento con quello determinato dalla differenza di temperatura dell’aria tra esterno ed interno (effetto camino), è quello in cui si prevede l’immissione dell’aria in zona sopravvento, ad altezza del locale da ventilare, e l’estrazione naturale da un’apertura posta più in alto, all’estremità di un condotto o vano verticale. Quest’ultimo può essere sia una conduttura costruita ad hoc, sia uno spazio con altre funzioni, quale un vano-scala o un atrio con aperture apribili in copertura. Tale sistema può essere concepito sia come specificamente destinato all’estrazione, come nel caso d’utilizzo di vani-scala o atria, sia come la modalità inversa di un sistema in cui sia anche prevista la ventilazione passante verticale, come avviene nella torre del vento iraniana. Nel primo caso, il vento rappresenta un’agente d’ausilio alla generazione del flusso d’aria, che è determinata prevalentemente dall’effetto camino. Nel secondo caso, la torre, generalmente suddivisa in più condotti interni, funziona, alternativamente, in relazione al periodo e alla presenza, o meno, di vento, come elemento di captazione o di estrazione dell’aria. Esiste, infine, anche la possibilità di combinazione spaziale, ossia con funzionamento contemporaneo, delle due modalità, come avviene nel Qa’a egiziano. In tal caso sono necessari due vani verticali per la movimentazione dell’aria: l’uno in immissione (malkaf), con direzione discensionale, l’altro in estrazione (torrino o lanternino), con direzione ascensionale.

    http://www.gaianetwork.eu/design/slide.php?lang=ita&target_vol=5&id_volume=10#http://www.gaianetwork.eu/public/volumi/photo/10/421.jpg

     

    di Pier Giorgio Gaiardoni postato il 01/10/2013 alle ore 07:09:36

    Commenti

    1. Nessun commento presente

    Lascia un Commento


    I campi sono obbligatori (l'indirizzo email non verrà pubblicato)
    Nome
    Email
    Commento
      Avvisami via e-mail in caso di nuovi commenti